Menu

Il controllo dei costi e lo spostamento dei dati sono le principali sfide per diventare data driven

Persona con telefono seduta sul divano e laptop con un grafico sullo schermo
Sommario

Condivi questa pagina

Portrait of Baltazar Henry
Henry Baltazar
284 visualizzazioni

Le organizzazioni all'avanguardia devono essere data driven. La velocità nell'individuare i dati, accedervi ed elaborarli è un fattore fondamentale per alimentare le informazioni e i processi decisionali. Diventare data driven è una sfida dinamica che diventa più complessa quando un'organizzazione si evolve.

Sfide per diventare data driven

La crescita dei dati continua a essere la principale sfida dello storage per le organizzazioni e questo problema è destinato a peggiorare. Molte organizzazioni assistono a una crescita dei propri dati in gestione di quasi il 30% ogni 12 mesi. La crescita dei dati è una caratteristica comune tra le organizzazioni al passo con i tempi, che creano costantemente nuove applicazioni e modelli di business per alimentare la loro crescita. Tuttavia, la crescita incontrollata dei dati può rallentare la trasformazione, rendendo più difficile la gestione e la protezione dei dati.

Lo spostamento dei dati è un inibitore significativo

La portabilità del carico di lavoro è un elemento chiave per le organizzazioni basate sui dati, in quanto consente loro di sfruttare diverse possibilità di esecuzione per svolgere un lavoro, su più cloud pubblici e persino su data center on-premise, quando hanno a disposizione le risorse necessarie. Lo spostamento dei dati dovrebbe essere una considerazione chiave per qualsiasi organizzazione che desideri sfruttare ambienti cloud ibridi o multicloud.

Molte organizzazioni sono alle prese con il processo di spostamento dei dati dai propri ambienti on-premise al cloud storage pubblico, in particolare quando si tratta di carichi di lavoro non strutturati di grandi dimensioni, come file video, immagini, intelligenza artificiale e dati di apprendimento automatico e persino grandi volumi di documenti di produttività standard. Nel nostro recente studio, Voice of the Enterprise: Storage, Data Management and Disaster Recovery 2022, il 48% degli intervistati ha dichiarato di migrare spesso (continuamente o quotidianamente) i dati da e verso il cloud storage pubblico e on-premise, il che dimostra che il problema della migrazione non è episodico o limitato a eventi importanti come la chiusura del data center e gli aggiornamenti dell'infrastruttura.

Con l'aumento dei set di dati, un numero sempre maggiore di organizzazioni sta cercando di sfruttare i trasporti fisici abilitati dal provider per spostare rapidamente i dati in un nuovo sito. Sebbene la migrazione basata su rete mantenga la sua importanza, le organizzazioni sono caute nel privare le applicazioni di produzione di una larghezza di banda preziosa durante lo spostamento di set di dati di grandi dimensioni. La maggior parte delle organizzazioni non può tollerare tempi elevati di downtime causati dalla migrazione dei dati, pertanto non sorprende che la maggior parte di esse stia cercando di migliorare le proprie operazioni di gestione dei dati. Nel nostro studio, l'utilizzo dei trasporti fisici abilitati dal provider è aumentato dal 18% delle migrazioni di 2 anni fa al 34% di oggi.

Ottimizzazione dei costi

Per soddisfare i requisiti, le organizzazioni devono imparare a sfruttare i servizi di cloud storage, nonché ottimizzarne l'utilizzo per evitare di perdere il controllo sui costi. Le organizzazioni possono utilizzare strumenti di ottimizzazione dei costi per il cloud di terze parti per prendere decisioni critiche sui dati e sul posizionamento dei carichi di lavoro. Una volta completato un carico di lavoro a latenza critica, i dati devono essere memorizzati in uno storage a oggetti a basso costo per ridurre i costi e liberare risorse dalle performance elevate da utilizzare per altri carichi di lavoro. Le organizzazioni dovrebbero inoltre sfruttare gli strumenti di monitoraggio e gestione per tenere traccia delle mutevoli esigenze dei carichi di lavoro.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, scarica il brief Optimized Cloud Storage Economics.

Scopri di più sullo storage multicloud NetApp® .

Henry Baltazar

Henry Baltazar è Research Director per lo storage presso 451 Research, parte di S&P Global Market Intelligence. Henry è tornato alla 451 Research dopo aver trascorso quasi tre anni alla Forrester Research come analista senior al servizio di Infrastructure & Operations Professionals e dopo aver fornito ai clienti Forrester consulenza in merito alle tecnologie dell'infrastruttura dei data center. Henry valuta e testa le offerte di hardware e software per lo storage da oltre 15 anni come analista di settore e come giornalista.

Visualizza tutti i post di Henry Baltazar

Passi successivi

Drift chat loading