Menu

Che cos'è il cloud ibrido?

Schede rosa fluttuanti su sfondo rosa
Argomenti

Il cloud ibrido si riferisce a un ambiente misto di calcolo, storage e servizi costituito da un'infrastruttura on-premise, servizi di cloud privato e un cloud pubblico, come Amazon Web Services (AWS) o Microsoft Azure, che prevede l'orchestrazione tra le varie piattaforme. L'utilizzo di una combinazione di cloud pubblici, calcolo on-premise e cloud privati nel data center implica la possibilità di disporre di un'infrastruttura di cloud ibrido.

Vantaggi del cloud ibrido

Anche se possono generare un risparmio sui costi, il principale valore dei servizi cloud consiste nel riuscire a supportare una rapida trasformazione del business digitale. Ogni organizzazione di gestione della tecnologia si basa su due agende: l'agenda IT e l'agenda di trasformazione del business. In genere l'agenda IT si concentra sul risparmio economico. Le agende di trasformazione di business digitale invece si concentrano sugli investimenti finalizzati alla realizzazione di un guadagno.

Il vantaggio principale offerto da un'infrastruttura di cloud ibrido è l'agilità. La necessità di adattarsi e cambiare rapidamente direzione è un principio fondamentale di un business digitale. La tua azienda potrebbe desiderare (o avere l'esigenza) di combinare cloud pubblici, cloud privati e risorse on-premise per ottenere l'agilità di cui ha bisogno per ottenere un vantaggio competitivo.

Cloud pubblico: vantaggi e svantaggi

Se si stipula un contratto con un service provider come AWS o Azure, si utilizza un cloud pubblico e sostanzialmente si noleggia una parte dell'infrastruttura del data center distribuito. I cloud pubblici offrono l'infrastruttura IaaS (Infrastructure as a Service). Garantiscono eccezionali economie di scala, scalabilità elastica e funzionamento completamente automatizzato, pertanto è quasi impossibile per un data center on-premise competere sul prezzo o sull'efficienza.

Vantaggi:

  • Scalabilità (sia verso l'alto sia verso il basso). Quasi illimitata grazie alle risorse cloud on-demand.
  • Minori spese in conto capitale (capex). Non è necessario acquistare tutte le attrezzature del data center.
  • Affidabilità. Grazie ai servizi distribuiti in più data center.

Svantaggi:

  • Meno controllo sulla sicurezza dei dati. Non si conoscono mai le restrizioni geografiche o di altro tipo a cui devono sottostare i propri dati e dove operano.
  • Maggiori spese operative (opex). Man mano che si incrementano le performance, aumentano i costi orari.

Cloud privato: vantaggi e svantaggi

Se configuri un'infrastruttura cloud dedicata per la tua azienda, utilizzi un cloud privato. Il cloud è privato sia se lo gestisci da solo, sia se utilizzi un servizio di terze parti e indipendentemente dal fatto che tu lo gestisca nel tuo data center o fuori sede.

Vantaggi:

  • Sicurezza.I dati e le applicazioni rimangono dietro il firewall e sono accessibili solo per la tua azienda. Questo rende i cloud privati più adatti per l'elaborazione o l'archiviazione di dati sensibili.
  • TCO potenzialmente inferiore. Attraverso un opex più basso nel tempo.
  • Maggiore controllo e personalizzazione. Adatta i server alle preferenze aziendali.
  • Flessibilità. Possibilità di trasferire dati non sensibili in un cloud pubblico per soddisfare improvvisi picchi di domanda sul cloud privato.

Svantaggi:

  • Costi più elevati. Aumento dei costi iniziali e necessità di ripagare i costi delle attrezzature acquistate.
  • Responsabilità. Per il funzionamento e la manutenzione del data center, dell'hardware IT e del software aziendale, nonché per la sicurezza e la compliance.
  • Meno flessibilità. In termini di scalabilità delle risorse IT verso l'alto o verso il basso in base al mutare delle esigenze.

Il cloud ibrido è la soluzione giusta per te?

Non tutto appartiene a un cloud pubblico, motivo per cui così tante aziende lungimiranti stanno scegliendo una combinazione ibrida di servizi cloud. I cloud ibridi offrono i vantaggi dei cloud pubblici e privati e sfruttano l'architettura esistente in un data center.

L'approccio ibrido consente alle applicazioni e ai componenti di interagire oltre i confini (ad esempio, cloud rispetto a on‐-premise), tra istanze cloud e persino tra architetture (ad esempio, digitale tradizionale o moderno). Anche per i dati è necessario lo stesso livello di flessibilità di distribuzione e accesso. Che tu gestisca workload o set di dati, nel mondo digitale dinamico devi pianificare cosa spostare in risposta alle esigenze in evoluzione. Non è detto che il luogo in cui le applicazioni o i dati risiedono oggi sia quello più appropriato andando avanti nel tempo.

Un'architettura di cloud ibrido include le seguenti caratteristiche:

  • Pur rimanendo distinti, il tuo data center on-premise, le risorse di cloud pubblico e privato e i workload sono tenuti assieme dalla gestione comune dei dati.
  • Puoi connettere sistemi esistenti in esecuzione su architetture tradizionali che eseguono applicazioni business-critical o contengono dati sensibili che potrebbero non essere adatti al cloud pubblico.

Le infrastrutture di cloud ibrido sono abilitate da un data fabric, che utilizza un approccio definito dal software per fornire un insieme comune di servizi dati in qualsiasi combinazione di risorse IT.

Scenari di cloud ibrido

  • Workload dinamici o in continua evoluzione. Utilizza un cloud pubblico facilmente scalabile per i tuoi workload dinamici, lasciando i workload meno volatili o più sensibili a un cloud privato o a un data center on-premise.
  • Separazione dei workload critici da quelli meno sensibili. Potresti memorizzare dati sensibili finanziari o relativi ai clienti nel tuo cloud privato e utilizzare un cloud pubblico per eseguire le altre applicazioni aziendali.
  • Elaborazione dei big data. È improbabile che l'elaborazione dei big data avvenga continuamente a un volume quasi costante. Potresti invece eseguire alcune delle analisi dei big data utilizzando risorse di cloud pubblico altamente scalabili e contemporaneamente un cloud privato per garantire la sicurezza dei dati e mantenere i big data sensibili dietro il firewall.
  • Passa al cloud in modo incrementale, al tuo ritmo. Utilizza un cloud pubblico o un cloud privato di piccola scala per alcuni dei tuoi workload. Scopri la soluzione più adatta per la tua azienda e continua ad espandere la tua presenza cloud in base alle esigenze, su cloud pubblici, cloud privati o una combinazione di entrambi.
  • Necessità di capacità di elaborazione temporanea. Un cloud ibrido ti consente di allocare le risorse di cloud pubblico per progetti a breve termine a un costo inferiore rispetto a quello di un'infrastruttura IT del tuo data center. In questo modo non investirai in eccesso in attrezzature di cui hai bisogno solo temporaneamente.
  • Flessibilità per il futuro. Anche se sei convinto di riuscire a pianificare perfettamente le risorse in base alle esigenze di oggi, a meno che tu non abbia una palla di cristallo, non puoi sapere come potranno cambiare le tue esigenze il mese prossimo o il prossimo anno. Un approccio al cloud ibrido ti consente di utilizzare per i tuoi requisiti effettivi di gestione dei dati il cloud pubblico, il cloud privato o le risorse on-premise più adatti a soddisfarli al meglio.
  • Il meglio di entrambi A meno che tu non riesca a soddisfare precise esigenze solo con una soluzione di cloud pubblico o solo con una soluzione di cloud privato, non hai motivo di limitare la tua scelta a una delle due soluzioni. Scegliendo un approccio al cloud ibrido, potrai sfruttare i vantaggi di entrambe contemporaneamente.

Continua a leggere