Menu

NetApp: un’evoluzione che dura da 30 anni (e che continua)

Agli inizi di NetApp nel 1992, usare Internet significava sperare che il cavo telefonico riuscisse a connetterti e quindi attendere all’infinito il caricamento di una pagina Web. Siamo orgogliosi di dire che abbiamo contribuito a cambiare tutto questo. In un panorama tecnologico definito dal cambiamento costante, siamo riusciti a prosperare aiutando le aziende leader a livello mondiale a fare lo stesso. Qual è il nostro segreto? Anticipare ogni nuova ondata di cambiamento e continuare a promuovere la tecnologia leader di settore che spinge le aziende a progredire.

  oggetto a forma di ciambella
La nostra storia

Nel corso della nostra storia, NetApp ha cavalcato un’onda di cambiamento dopo l’altra nell’oceano dell’IT. Vuoi sapere se siamo stati sbalzati via dalla nostra metaforica tavola da surf? Naturalmente. Ma ogni volta vi siamo risaliti con rinnovata determinazione. Ciò che ispira una tale perseveranza di fronte al cambiamento sono i nostri clienti. In poche parole, otteniamo il successo quando ti aiutiamo a raggiungere il successo. Aiutandoti a cogliere il pieno potenziale delle nuove tecnologie, ci piace pensare di svolgere un ruolo importante nei tuoi progressi.

NetApp San Jose office
Spazio degli uffici di NetApp a Santana Row a San Jose, California

Ecco alcuni punti chiave del nostro settore e le innovazioni che ci hanno consentito di aprire la strada.

1992: nascita del "tostapane" e di ONTAP

I sedicenti hippy Dave Hitz e Jason Lau costruiscono un server NFS chiamato affettuosamente “tostapane”, e nasce un'azienda allora chiamata Network Appliance, Inc. Nasce ONTAP, il sistema operativo proprietario di NetApp.

1995: la quotazione in borsa

Offerte pubbliche iniziali di NetApp nel 1995, con una rapida crescita dei profitti fino a oltre 1 miliardo di dollari.

2000: la protezione dei dati diventa sempre più conveniente

NetApp rilascia la tecnologia di replica SnapMirror®.

2002: le operazioni di storage unificate diventano la norma

NetApp crea le prime appliance SAN e NAS unificate, semplificando la vita dei nostri clienti (e del nostro team di marketing).

2004: pensavi che lo storage fosse già efficiente? Aspetta.

NetApp rilascia il thin provisioning e la tecnologia NetApp® FlexClone®, consentendo ai nostri clienti di ottenere efficienze di storage composte.

2007: i clienti cercano di massimizzare i benefici degli ambienti virtualizzati

NetApp crea la prima deduplica unificata per lo storage primario e secondario.

2008: cambiamo il nostro nome (ma non la nostra missione)

Per anni i clienti si sono affettuosamente riferiti a noi chiamandoci NetApp. Nel 2008 abbiamo deciso di renderlo ufficiale.

2012: i nostri clienti richiedono le Agile Data Infrastructure e noi eseguiamo l’ordine.

NetApp è il primo provider di storage a estendere l'agilità del data center abilitando la scalabilità su sistemi SAN e NAS unificati.

2015: nuovo CEO (e la stessa grande azienda)

George Kurian subentra a Tom Georgens in veste di CEO e contribuisce con le sue eccezionali competenze in ambito di business e ingegneria a dare il via alla fase successiva della nostra evoluzione. NetApp acquisisce il leader dello storage flash SolidFire, integrando la tecnologia ActiveIQ nel suo già solido portfolio.

2016: integrazione di tecnologie esistenti ed emergenti

Il software NetApp ONTAP® centralizza la gestione dei dati su flash, disco e cloud.

2018: la velocità è il nuovo criterio

NetApp presenta il primo array NVMe end-to-end che offre oltre 1,3 milioni di IOPS a 500 microsecondi per coppia ad alta disponibilità.

2019: siamo al primo posto (secondo Gartner)

NetApp si classifica al primo posto nello storage primario nel report Magic Quadrant di Gartner.

2020: l'acquisizione di Spot aiuta a contenere i costi del cloud dei clienti

NetApp acquisisce Spot, una soluzione leader per l'ottimizzazione continua dei costi dei carichi di lavoro sia nativi sia legacy.

2022: cloud-first: un nuovo capitolo della crescita di NetApp

NetApp diventa il provider più attrezzato per ottenere il meglio del cloud ibrido per i propri clienti.

Naturalmente, il futuro ci riserva molti altri cambiamenti, che noi accoglieremo a braccia aperte approfondendo, adattando e sviluppando le nostre conoscenze per consentire agli altri di sfruttarli al meglio.

Drift chat loading