Menu

In che modo il cloud evoluto può mitigare i problemi di carenza di competenze IT

Semplifica e unifica le operazioni multicloud ibride per permetterti di dedicarti all'innovazione

donne stressate che si tengono la testa mentre leggono un libro
Sommario

Condivi questa pagina

Jeff Baxter
Jeff Baxter

La carenza di competenze IT. Tutti sanno che si tratta di un problema. Tutti sanno che sta diventando sempre più insidioso. Ma nessuno ha trovato una soluzione magica per soddisfare l'esigenza crescente di talenti in tutto il mondo. Si tratta di una preoccupazione che va dalle trincee alla sala riunioni: 8 su 10 dirigenti IT e aziendali sono almeno in parte preoccupati per la carenza di competenze IT nella loro organizzazione. 1 su 4 sono molto preoccupati e a giusta ragione.

L'innovazione è alimentata dalla tecnologia e la tecnologia è alimentata dalle persone. È diventata la spina dorsale della capacità di innovazione del business e la sua portata e le competenze richieste sono esplose creando una massiccia domanda di talenti qualificati ed esperti, senza un'offerta adeguata. Ecco alcuni dei fattori principali:

  • La rapida adozione del cloud ha richiesto una revisione delle operazioni, un impegno per l'agilità e una serie di nuovi processi, tool, piattaforme e così via
  • La riqualificazione e le certificazioni sono complesse, dispendiose in termini di tempo e difficili da bilanciare con il lavoro che deve essere svolto quotidianamente.
  • Tre parole: la Great Resignation. Questa ricerca di retribuzioni e benefici ipercompetitivi continua ad alimentare la porta girevole dei talenti. Le aziende che ignorano tendenze come lavoro flessibile e incentivi restano ancora più indietro.
  • I dipendenti sono in controtendenza rispetto alla storica hustle culture e mirano a fare il minimo indispensabile. Man mano che i colleghi si dimettono, i dipendenti che restano vengono oberati di carichi di lavoro maggiori, che aumentano i livelli di stress e creano una cultura tossica che li spinge ancora di più ad abbandonare il campo.

La carenza ha raggiunto un picco patologico

I reparti IT più estesi che hanno affrontato le ondate di disruption (prima il cloud, poi la trasformazione digitale, ora i problemi della pandemia e della catena di fornitura) si trovano con una montagna di lavoro, una complessità travolgente, un numero insufficiente di specialisti e nessuna luce in fondo al tunnel. Sebbene esistano carenze anche in altre aree come il marketing e il business development, le carenze dell'it sono particolarmente preoccupanti. Perché? Perché quasi tutte le aziende si affidano alla tecnologia per l'innovazione in ogni ambito, dallo sviluppo dei prodotti all'esperienza del cliente. E il cloud è una parte essenziale di questa equazione.

Non è possibile definire l'innovazione senza il cloud.

Nessuno vuole dire al proprio CEO che il progetto XZY è in stallo a causa della carenza di competenze. Ma la situazione è proprio questa. Mentre la trasformazione digitale e le implementazioni cloud rimangono una priorità assoluta per i leader IT, la mancanza di competenze tecniche sta inibendo l'adozione di tecnologie emergenti basate sul cloud che consentano l'innovazione. In altre parole, le aziende potrebbero dover rallentare intenzionalmente i progressi perché non dispongono del personale o delle competenze necessarie per restare al passo.

Quasi tutte le aziende utilizzano un cloud pubblico (la maggior parte ne utilizza più di uno) e la gestione degli ambienti cloud è sostanzialmente diversa dai data center. Ogni cloud richiede competenze specializzate, che sono poco disponibili. E, in realtà, si ha bisogno di competenze per l'intero ciclo di vita di un'applicazione sul cloud, dall'infrastruttura alle operazioni (I&O) allo sviluppo, alla sicurezza e così via. Specialisti dei carichi di lavoro per backup, ransomware/sicurezza, governance/compliance, tiering, gestione dello storage e anche le soluzioni STaaS non sono solo costosi, ma anche difficili da trovare. Inoltre, esistono ancora molte situazioni in cui è opportuno mantenere dati e carichi di lavoro on-premise. Tutto deve procedere all'unisono e servono persone con competenze per gestire questa situazione.

Cloud evoluto: operazioni semplificate e unificate

Sì, conservazione, riqualificazione, certificazione, mentoring e così via sono importanti per la causa. Tuttavia, le architetture multicloud ibride sono incredibilmente complesse e, come abbiamo detto, la gestione di più cloud e ambienti on-premise insieme può essere complessa, onerosa e inefficiente. Cosa succederebbe se fosse possibile risolvere questi problemi? Lo vediamo nel cloud evoluto.

Questo recente blog contiene tutti i dettagli, ma il cloud evoluto è un approccio strategico agli ambienti multicloud ibridi, in cui il cloud è completamente integrato nella tua architettura e nelle tue operazioni e tutto rimane efficiente, sicuro e costantemente ottimizzato, automaticamente. L'interoperabilità perfetta tra più cloud e data center viene ottenuta tramite astrazione.

Ecco la parte più entusiasmante. In uno stato di cloud evoluto, le operazioni vengono unificate in ambienti diversi e l'automazione riduce i noiosi processi manuali che richiedono tempo e risorse preziose. Semplificando e standardizzando le operazioni, puoi ridurre la necessità di competenze specifiche per ambiente, cloud e carico di lavoro. Puoi spostare i dati ovunque e svilupparli e implementarli in diversi ambienti in modo libero e sicuro. Inoltre, grazie alla gestione dei processi manuali precedentemente basati sull'AI, puoi concentrare l'attenzione su impegni più importanti e migliorare l'efficienza.

In che modo NetApp sta contribuendo a ridurre la carenza di competenze

NetApp progetta da molto tempo per il cloud evoluto, pertanto il nostro portfolio è costruito per il multicloud ibrido e l'innovazione continua. Abbiamo relazioni profonde con i più grandi cloud provider e siamo in grado di offrire ciò che la maggior parte dei vendor non può fare, ovvero la libertà da vincoli e da universi recintati. Utilizza i cloud che desideri, come vuoi, senza il peso della complessità.

Per ottenere uno stato di cloud evoluto, hai bisogno degli strumenti giusti. NetApp® BlueXPTM è un piano di controllo unificato che offre coerenza di gestione in diversi ambienti con servizi dati integrati, potente automazione AI/ML, modelli di consumo flessibili e protezione integrata. BlueXP consente agli operatori generici di eseguire attività specializzate in modo da non avere bisogno di molti tecnici specialisti. Può essere utilizzato da diversi team e utenti ed è basato sul ruolo in modo che tutti possano vedere e fare ciò di cui hanno bisogno senza problemi. La funzionalità del portafoglio digitale ottimizza l'acquisizione delle risorse ad alta intensità di processo con il provisioning on-demand in base al ruolo, riducendo costi e rischi e favorendo al contempo l'agilità del business. FinOps è in grado di gestire e monitorare gli investimenti, ridurre al minimo gli sprechi e valutare il ROI in tempo reale. È possibile trasferire sull'automazione l'ottimizzazione, il monitoraggio e la protezione delle risorse e dei costi che richiedono molto tempo. Inoltre, BlueXP può migliorare il modo in cui i diversi team interagiscono, fornendo loro un vocabolario/dashboard/strumento comune che faciliti la comunicazione. È un ottimo modo per affrontare la carenza di competenze rendendo le cose più semplici ed efficienti.

È il momento di tornare all'innovazione. Vai a dire al tuo CEO che state andando al massimo con il cloud evoluto.

Inizia il tuo percorso di cloud evoluto

Jeff Baxter

Jeff Baxter è Senior Director per il Portfolio Marketing di NetApp. Il ruolo di Jeff prevede la gestione di un team responsabile del marketing di prodotti e soluzioni di base in NetApp. In precedenza, Jeff ha ricoperto diversi ruoli tecnici e strategici in NetApp, tra cui il servizio di Sr. Director of Product Management per ONTAP, Chief Evangelist per ONTAP e Field Chief Technology Officer per le Americhe in NetApp.

Visualizza tutti i post di Jeff Baxter

Passi successivi

Drift chat loading