Menu

Annuncio di NVMe/TCP per ONTAP

Sommario

Condivi questa pagina

Ricky Martin
Ricky Martin
5,848 visualizzazioni

Non è un segreto che NetApp ha fatto un passo importante verso il cloud annunciando la sua visione del data fabric. La nostra leadership e il successo nell'aiutare i nostri clienti a passare al cloud risultano evidenti dal tasso di crescita a tre cifre del nostro business cloud e dal fatto che il software NetApp® ONTAP® è disponibile in ogni principale cloud pubblico. Inoltre, sia Microsoft Azure che Google Cloud offrono la tecnologia NetApp direttamente nell'ambito delle rispettive console native. Non è un segreto neanche il fatto che gli stessi cloud provider non includono Fibre Channel (FC) nelle proprie offerte di servizi, anche se si tratta di un prodotto eccezionale. 

È vero che c'è ancora una domanda costante di infrastruttura FC tradizionale e gran parte delle infrastrutture sta passando a NVMe over Fibre Channel (NVMe/FC). Tuttavia, la maggior parte degli ambienti di virtualizzazione e cloud considera la tecnologia utilizzata ormai obsoleta rispetto a Ethernet, TCP e al resto della famiglia di protocolli Internet che costituisce la base del cloud. Questa visione legacy è il motivo per cui molti architetti che vogliono portare il meglio del cloud nei propri data center non includono di solito FC nei propri piani di cloud privato definito dal software. Questo vale in particolare quando tali cloud privati sono costruiti sull'infrastruttura iperconvergente (HCI). Sebbene HCI non sia una novità, i cloud architect sono sempre più consapevoli delle inefficienze inerenti all'IT con approccio purista per carichi di lavoro esigenti in termini di storage, come elaborazione di transazioni, analytics e machine learning. Questa consapevolezza ha portato a un aumento nelle configurazioni di HCI disaggregato o di storage asimmetrico. Per chi non ha familiarità con questi termini, in sostanza significa aggiungere dispositivi storage dedicati a un server farm HCI, un approccio che dovrebbe essere molto familiare alla maggior parte dei team di storage dedicati. 

Anche se NVMe over Fabrics (NVMe-oF) offre chiari vantaggi per le configurazioni HCI disaggregate, questa realtà non è sufficiente a stimolare l'interesse verso il nuovo FC. L'aggiunta di storage dedicato è un passo troppo audace per molti, pertanto è inutile chiedere al team dello storage di implementare una nuova SAN dedicata. Nella maggior parte dei casi, l'iSCSI è stato la scelta ideale per risolvere questo problema ma, come si evince dal primo e dal secondopost di blog di questa serie, l'era dello standard SCSI si sta rapidamente avvicinando alla fine. RDMA over Converged Ethernet (RoCE) potrebbe essere un'alternativa ragionevole, ma sfortunatamente, come con FCoE, molte delle reti che costituiscono questi cloud privati basati su HCI non sono configurate per RoCE. Potrebbe essere possibile far funzionare RoCE, ma spesso le modifiche alla configurazione non sono banali https://docs.vmware.com/en/VMware-vSphere/7.0/com.vmware.vsphere.storage.doc/GUID-B764140D-BCF3-4C99-8169-E5B058757518.html e molti clienti semplicemente non vogliono avere problemi con la rete per un cloud privato mission-critical.

È qui che entra in gioco NVMe/TCP

Non siamo soliti annunciare la tecnologia con anticipo, ma in questo caso non possiamo farne a meno. In una versione futura di ONTAP, NetApp intende includere una destinazione NVMe over TCP (NVMe/TCP) completamente supportata. Questo supporto offre quasi tutti i vantaggi di NVMe/FC, semplificando radicalmente i requisiti di rete. Non è necessario distribuire FC; non è necessario triplicare il controllo delle impostazioni di bridging del data center (DCB) e del controllo di flusso o del firmware della scheda di rete nella rete o nel server farm. Se è possibile eseguire TCP, è possibile eseguire NVMe/TCP. Per approfondire, si può dare un'occhiata a Cosa significa NVMe/TCP per lo storage di rete. Se si desidera solo la versione CliffsNotes, i punti elenco nella diapositiva 16 la descrivono in modo esaustivo. Nella diapositiva sono elencate le caratteristiche del protocollo TCP:

  • Onnipresente: viene eseguito su tutto, ovunque
  • Facile da capire: il protocollo TCP è probabilmente lo standard di trasmissione più comune
  • Performance elevate: offre performance di livello eccellente
  • Ideale per implementazioni su larga scala e su distanze più lunghe
  • Sviluppato attivamente: la manutenzione e i miglioramenti sono sviluppati dai principali operatori
  • È in grado di supportare intrinsecamente la crittografia in transito

Per certi aspetti è simile all'iSCSI, ma più valido sotto tutti i punti di vista. "Con l’adozione più rapida del previsto degli array all-flash basati su NVMe a cui si è assistito negli ultimi anni, nuove tecnologie come NVMe over Fabrics (NVMe-oF) continueranno ad alimentare l'evoluzione del settore dello storage aziendale. Si prevede che NVMe/TCP sarà una tecnologia chiave che favorirà l’adozione nel mercato mainstream, grazie alla sua ubiquità e facilità di implementazione. Poiché si basa su Ethernet, non richiede nuovi investimenti hardware. È particolarmente interessante per le implementazioni del cloud ibrido", ha dichiarato Eric Burgener, Research Vice President, Infrastructure Systems, Platforms and Technologies Group presso IDC.

Picture1-2-926x234.png 

Il supporto di NVMe/TCP in ONTAP è un'ulteriore dimostrazione della visione di NetApp nel creare nuove tecnologie che possono essere implementate nel cloud ibrido. Cos'altro ci si aspetta da un'azienda di software data-centric e basata sul cloud? Il bello è che questo supporto non è solo una rapida soluzione nell'immediato, ma sarà anche integrato in ONTAP. Ciò significa che i clienti otterranno uno stack completo di vantaggi da tutte le funzionalità cloud e del data center che sono in dotazione con l'ecosistema NetApp. Il diagramma seguente illustra i casi di utilizzo del cloud ibrido NVMe.


Picture3-926x350.png 

Tali benefici includono:

  • Protezione da piccoli malfunzionamenti, errori degli utenti e ransomware con copie e cloni NetApp Snapshot compatibili con le applicazioni. Riduzione dei rischi grazie all'interoperabilità con le applicazioni, il sistema operativo, la virtualizzazione e le offerte cloud più diffuse.
  • Disaster recovery e mobilità dei dati più semplici con la funzionalità NetApp SnapMirror® per fornire replica sincrona e asincrona tra data center e tra cloud.
  • Cicli di vita di test e sviluppo più veloci per database e applicazioni mission-critical. Un'infrastruttura realmente unificata consente la replica di configurazioni di database bare-metal tradizionali con l'esecuzione dei namespace NVMe/FC in una posizione in una configurazione di cloud ibrido e NVMe/TCP in un'altra.
  • Garanzia di disponibilità a livello di servizio con un'affidabilità comprovata e funzionalità di qualità del servizio superiori.
  • Garanzia di sicurezza solida, robusta, multi-tenant alla base della Security Technical Implementation Guide di ONTAP per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Dov'è il resto del settore?

Mi aspetto che Pure avverta presto l'esigenza di lanciarsi anche se, date le brillanti performance delle loro soluzioni NVMe-oF esistenti che ho descritto nel blog precedente di questa serie, mi chiedo se i clienti noteranno la differenza.

Per quanto riguarda Dell, alla fine del 2019 hanno finalmente adottato NVMe/FC per PowerMax https://www.theregister.com/2019/09/10/fcnvme_optane_dell_powermax/, sia pure con molte riservehttps://www.delltechnologies.com/asset/en-ie/products/networking/industry-market/h18009-fc-nvme-deployment-considerations-and-best-practices-wp.pdf, e hanno impiegato un anno per distribuire NVMe/FC e integrare altre funzionalità mancanti in PowerStore, senza alcuna traccia di NVMe/TCPhttps://www.dell.com/support/kbdoc/en-au/000130110/powerstore-info-hub-product-documentation-videos#Zero. Inoltre, due anni dopo aver dichiarato di essere pronta per NVMe, Dell non ha ancora fornito alcuna funzionalità NVMe per Unity. Sembra quindi molto probabile che chi ha acquistato un array Dell Unity potrebbe aver bisogno di un aggiornamento integrale prima di ottenere i vantaggi di NVMe end-to-end.

Alcune startup stanno iniziando a parlare dei vantaggi di NVMe/TCP così come in un recente passato Pure illustrava i vantaggi di DirectFlash. Tuttavia, nessuno di questi clienti sembra al passo con quello che considereremmo un prodotto enterprise abilitato per il cloud, con tutte le funzionalità integrate che lo rendono sufficientemente semplice e sicuro da poter essere utilizzato per cloud ibridi e privati su larga scala.

Quindi, qual è il prossimo passo?

NetApp sta estendendo la nostra leadership nell'adozione di NVMe end-to-end. Riusciamo a ottenere questo risultato fornendo un semplice percorso di aggiornamento a NVMe/TCP in una futura release di ONTAP. Questo aggiornamento software preserva il valore degli investimenti esistenti dei clienti, supportando al tempo stesso tutte le funzionalità integrate di data protection e automazione che rendono ONTAP facile e sicuro da integrare nei piani di cloud ibrido e privato. Vogliamo aiutarti a implementare investimenti on-premise sicuri proiettati nel futuro per un mondo più vicino al cloud, perché ovunque ti trovi oggi non è necessariamente il luogo in cui sarai domani. 

Per saperne di più, visita la pagina dei vantaggi e casi d'utilizzo di NetApp NVMe, o scopri perché NetApp è la soluzione migliore per la flash. Puoi anche rivolgerti a uno dei nostri esperti che saranno lieti di aiutarti a sfruttare al meglio la tua infrastruttura esistente.

Declinazione legale di responsabilità Questo documento, la strategia di NetApp e gli eventuali futuri sviluppi, le direttive in materia di prodotti e piattaforme e le funzionalità sono soggetti a modifiche senza preavviso. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono un impegno, una promessa o un obbligo legale di fornire materiale, codice o funzionalità. Il presente documento viene fornito senza alcuna garanzia, esplicita o implicita, incluse, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le garanzie implicite di commerciabilità, idoneità a uno scopo particolare o non violazione. Il presente documento ha scopo informativo e non può essere incorporato in un contratto. NetApp non si assume alcuna responsabilità per errori o omissioni presenti nel presente documento. NetApp non ha alcun obbligo di seguire alcun corso di attività descritto nel presente documento né in alcuna presentazione ad esso relativa, né di sviluppare o rilasciare alcuna funzionalità menzionata in esso.

Ricky Martin

Ricky Martin è a capo della strategia di mercato globale di NetApp per il suo portfolio di soluzioni di cloud ibrido, fornendo informazioni tecnologiche e informazioni di mercato a trend che hanno un impatto su NetApp e sui suoi clienti. Con quasi 40 anni di esperienza nel settore IT, Ricky è entrato in NetApp come systems engineer nel 2006 e ha ricoperto diversi ruoli di leadership nell'area NetApp APAC, tra cui lo sviluppo e il sostegno delle soluzioni NetApp per l'intelligenza artificiale, il machine learning e i data lake su larga scala.

Visualizza tutti i post di Ricky Martin

Passi successivi

Drift chat loading