Menu

Che cos'è la memoria persistente?

stack sottili blu su sfondo blu
La memoria persistente (PMEM) è un dispositivo di memoria a stato solido indirizzabile al byte dalle performance elevate che risiede nel bus di memoria. Trovandosi nel bus di memoria, PMEM usufruisce di un accesso di tipo DRAM ai dati, pertanto è caratterizzata da una velocità e una latenza quasi uguali alla DRAM e dalla non volatilità della memoria NAND Flash. NVDIMM (doppio modulo di memoria in linea non volatile) e Intel 3D XPoint DIMM (noti anche come moduli di memoria persistente Optane DC) sono due esempi di tecnologie di memoria persistente.

Vantaggi della memoria persistente

I principali vantaggi della memoria persistente includono: 

  • Latenze di accesso inferiori a quelle degli SSD flash.
  • Throughput maggiore rispetto allo storage flash.
  • Più conveniente della DRAM. 
  • Memorizzabile nella cache. Questo è un enorme vantaggio rispetto all'interconnessione PCIe, che non può essere memorizzata nella cache della CPU.
  • Accesso ai dati in tempo reale; consente un accesso ultraveloce a set di dati di grandi dimensioni. 
  • Persistenza dei dati in memoria dopo un'interruzione dell'alimentazione, come con lo storage flash.

Casi d'utilizzo della memoria persistente

È possibile utilizzare la memoria persistente in diversi modi per offrire una latenza inferiore in applicazioni quali: 

  • Rilevamento delle frodi. La memoria persistente migliora la velocità con cui gli istituti finanziari e le compagnie assicurative possono eseguire analisi dei dati su milioni di record per rilevare transazioni fraudolente, evitando perdite finanziarie e impatto sul marchio.
  • Analisi delle minacce informatiche. La memoria persistente consente alle aziende di agire rapidamente per rilevare le crescenti minacce informatiche e implementare una strategia di difesa. 
  • Personalizzazione su scala Web. La memoria persistente consente alle aziende di personalizzare le esperienze online in base all'utente, restituendo contenuti e pubblicità pertinenti in modo da generare un maggior numero di click-through dell'utente e maggiori opportunità di ricavi per l'e-commerce.
  • Trading finanziario. Le applicazioni di trading finanziario possono utilizzare una memoria persistente per elaborare ed eseguire rapidamente le transazioni finanziarie in modo da ottenere un vantaggio competitivo e creare maggiori opportunità di ricavo.
  • Internet of Things (IoT). L'elaborazione più rapida di set di dati enormi in tempo reale riduce il time-to-value.

Memoria persistente e NVRAM

La NVRAM (Nonvolatile Random-Access Memory) è una memoria ad accesso casuale che conserva le informazioni anche in assenza di alimentazione. In caso di interruzione dell'alimentazione durante la scrittura dei dati su disco, la NVRAM è in grado di ripristinare i dati e quindi evitarne la perdita. 

La NVRAM utilizza il backup della batteria per garantire la persistenza dei dati. Durante questa fase, può trasmettere i dati a un dispositivo flash collegato direttamente. Nella maggior parte dei casi, la NVRAM risiede sul bus PCIe. 

Il backup della memoria PMEM o NVDIMM-N può essere eseguito anche tramite batteria. Questo tipo di memoria è installato solo sul bus di memoria.

Continua a leggere