Innovation Awards - Criteri di valutazione

Criteri di valutazione alla base del premio

Una giuria indipendente esaminerà e assegnerà un punteggio alle candidature per ciascuna categoria, sulla base di un sistema di valutazione a punti che va da un minimo di 1 a un massimo di 10. La valutazione si baserà soprattutto su due aspetti: impatto sul business e innovazione. I punti assegnati dai membri della giuria verranno sommati per determinare i vincitori. La giuria assegnerà i punti sulla base dei seguenti criteri:

  • Impatto sul business: è aumentata la produttività? I processi di business sono stati ottimizzati? Il candidato ha superato una sfida di business implementando prodotti NetApp®? Ciò ha dato origine a una nuova best practice? Le operazioni sono state ottimizzate?
  • Risultati di business. Sono stati ottenuti vantaggi tangibili e significativi per il business?
  • Innovazione: l'implementazione è stata innovativa o è stato ottenuto un risultato innovativo grazie all'implementazione delle soluzioni NetApp?

Giudici dei NetApp Innovation Awards 2015

Mark Peters
Practice Director e Senior Analyst, Enterprise Strategy Group, Inc.

Mark Peters è Practice Manager e Senior Analyst di ESG e si occupa di sistemi storage. Il suo lavoro si concentra in particolare su sistemi storage unificati e a blocchi, storage virtualizzato, tutti i tipi di storage a stato solido e sulle opportunità rappresentate dal "software-defined storage". Mark vanta oltre 25 anni di esperienza nel settore dello storage e ha ricoperto il ruolo di Senior Manager nei settori vendite, marketing, gestione dei prodotti, sviluppo del business e customer intimacy, negli Stati Uniti e a livello internazionale.

Prima di unirsi a ESG, Mark era il proprietario di una società di consulenza per le comunicazioni aziendali, che si occupava principalmente di storage e IT. La sua carriera nel commercio high-tech è stata molto varia: ha lavorato in Xerox, Memorex-Telex, StorageTek, Sun Microsystems e in una startup di software.

Mark, di nazionalità statunitense, ha ottenuto una laurea specialistica ad Oxford e vive in Colorado dal 1997.

Deborah Perry Piscione
Titolare e cofondatrice di Vorto Consulting

Deborah Perry Piscione è un'esperta di processi di innovazione, un'imprenditrice della Silicon Valley e un'autrice di best seller del New York Times. È titolare e cofondatrice di Vorto Consulting, un'azienda di consulenza della Silicon Valley specializzata nel campo dei processi di innovazione e dello sviluppo dei talenti, che si occupa di innovazione ed espansione delle attività. Insieme ai colleghi, Deborah organizza attività personalizzate e boot camp sull'innovazione per le imprese Fortune 500.

Deborah è autrice di best seller del New York Times come The Risk Factor: Why Every Organization Needs Big Bets, Bold Characters and the Occasional Spectacular Failure (gennaio 2015) e Secrets of Silicon Valley: What Everyone Else Can Learn From the Innovation Capital of the World (Palgrave Macmillan, 2013).

Deborah è anche un'imprenditrice del web, una consulente per diversi consigli d'amministrazione e una relatrice di rilevanza nazionale. Ex-membro dello staff della Casa Bianca e del Congresso degli Stati Uniti, ha lavorato per circa 10 anni come commentatrice in TV su canali televisivi come CNN, CNBC, MSNBC, ABC, NBC, Fox News, PBS e NPR e come collaboratrice per testate quali The New York Times, The Wall Street Journal, The Economist e Forbes.

Prima di trasferirsi nella Silicon Valley nel 2006, Deborah ha lavorato per 18 anni a Washington come membro dello staff del Congresso degli Stati Uniti e della Casa Bianca, operando anche come lobbista. Inoltre, Deborah è autrice di best seller, commentatrice televisiva e radiofonica e relatrice su argomenti come cultura ed ecosistema della Silicon Valley, innovazione estemporanea, espansione delle economie regionali attraverso l'innovazione e attività imprenditoriali.

Bruce H. Rogers
Chief Insights Officer, Forbes Media

Bruce H. Rogers è il CIO (Chief Insights Officer) di Forbes Media e responsabile di Insights, una divisione che si occupa della creazione e distribuzione di contenuti basati su ricerche e leadership di pensiero per i clienti "blue chip" (ad esempio, IBM, Google, KPMG, SAP, CIT e Deloitte) e della supervisione del canale di contenuti Forbes Insights del sito Forbes.com (forbes.com/insights). Bruce ha scritto un articolo per Forbes che prende in esame il profilo dei leader di pensiero che stanno cambiando il panorama del business (www.forbes.com/sites/brucerogers).

È anche responsabile delle metodologie di CMO dell'azienda per la supervisione della creazione dei contenuti del gruppo all'interno della sezione "CMO Network" del sito Forbes.com (forbes.com/cmo-network) e di eventi come l'annuale Forbes CMO Summit.

Prima di ricoprire questo ruolo, Rogers è stato il CBO (Chief Brand Officer) responsabile delle attività di marketing integrato, comunicazioni del brand, ricerca e Sales Support per Forbes Media.

Rogers è coautore di "Profitable Brilliance: How Professional Services Firms Become Thought Leaders", disponibile su Amazon all'indirizzo http://amzn.to/OETmMz, e di "In the Line of Money: Branding Yourself Strategically to the Financial Elite", pubblicato in precedenza e anch'esso disponibile su Amazon http://amzn.to/AuHRN9)