Be The Match sfrutta la tecnologia NetApp per salvare vite umane

La tecnologia aiuta Be The Match a raddoppiare ogni anno il numero di donatori iscritti e ad ampliare i servizi globali che aiutano a salvare vite.

Milano, 2 novembre 2011 - La crescita esponenziale dei dati offre una gran quantità di informazioni che, se gestite e analizzate in maniera efficace, possono favorire innovazioni e scoperte in grado di influenzare il mondo intero. Ciò vale soprattutto nel campo dell'assistenza sanitaria, in cui corrette analisi dei dati possono favorire scoperte in grado di cambiare radicalmente e in un istante le nostre vite. La tecnologia è la chiave per accedere a questi dati. Senza di essa, sarebbe impossibile ottenere molte innovazioni in campo medico in grado di salvare vite umane. In poche parole, la tecnologia salva vite umane.

Per Be The Match, che gestisce l'elenco più grande al mondo di potenziali donatori di midollo e di unità di sangue del cordone ombelicale, i dati sono di importanza vitale. Ogni anno, migliaia di pazienti con malattie potenzialmente letali come leucemia, linfomi e anemia falciforme necessitano di trapianto di midollo, ma capita spesso che nessun membro della famiglia risulti compatibile. Be The Match, gestita dall'organizzazione no profit National Marrow Donor Program (NMDP), aiuta a mettere in contatto i pazienti con i donatori. Per salvare più vite umane, all'organizzazione occorreva una base tecnologica in grado di agire come elemento di sviluppo e non come freno. Per questo motivo Be The Match è costruita su NetApp.

"La possibilità di prendere decisioni in maniera più rapida e di analizzare le informazioni in tempo reale ha un impatto diretto sulle vite dei pazienti e rende la nostra piattaforma storage un elemento critico per il nostro successo", spiega Michael Jones, Chief Information Officer di Be The Match. "Con NetApp, siamo riusciti a velocizzare notevolmente il flusso dei dati per agevolare il 50% di trapianti in più ogni anno in tutto il mondo. NetApp è stata fondamentale per aiutarci a salvare più vite".

Consentendo ai pazienti di accedere a un registro di oltre 15 milioni di donatori e 400.000 unità di sangue cordonale, ogni anno Be The Match favorisce migliaia di trapianti in grado di salvare vite umane. I medici incaricati dei trapianti possono eseguire ricerche nel Be The Match Registry usando un sofisticato algoritmo di corrispondenza di complessità 100 milioni di volte superiore ai classici programmi di tipizzazione sanguigna. Dal 2007, i trapianti agevolati sono cresciuti costantemente anno su anno, passando da 3.700 a 5.500. Be The Match si è posta l'obiettivo di arrivare a 10.000 entro il 2015. Questa crescita aggressiva, associata all'enorme complessità e quantità dei dati, ha spinto l'organizzazione a trasformare la propria infrastruttura IT utilizzando un nucleo storage NetApp. Costruendo il proprio ambiente IT su NetApp, Be The Match è riuscita a trasformarlo in un trampolino per ottenere velocità e flessibilità utili a salvare vite.

NetApp aiuta Be The Match a superare i limiti delle sue attuali possibilità
Attraverso un programma complessivo di trasformazione, Be The Match è riuscita a ottenere una serie di vantaggi per velocizzare il processo di rilevamento, ampliare la propria portata globale e ottenere corrispondenze più precise, in modo da aiutare l'organizzazione a salvare più vite.

I vantaggi includono:

  • Una suite di applicazioni di nuova integrazione, che comprende il consolidamento dei dati di Be The Match su una piattaforma NetApp in modo da ridurre del 15% il tempo necessario per arrivare a un trapianto. Poiché molti pazienti soffrono di malattie con decorso molto rapido, il tempo necessario per identificare un donatore ed eseguire un trapianto può essere dell'ordine dei mesi o persino delle settimane. Ridurre i tempi aiuta i pazienti ad avanzare rapidamente lungo il processo di trapianto e ad aumentare le probabilità di sopravvivenza.
  • Be The Match ha raddoppiato il numero di donatori iscritti ogni anno costruendo un nuovo portale di iscrizione grazie a un'infrastruttura IT condivisa NetApp. Il nuovo portale ha favorito l'aumento delle registrazioni annue dei donatori, passate da una media di 360.000 (2000-2008) a 850.000 (ultimi due anni). Il numero di potenziali donatori a cui Be The Match può accedere è direttamente proporzionale alla probabilità che un paziente riesca a trovare una corrispondenza.
  • NetApp è in grado di offrire le performance e la larghezza di banda necessarie a Be The Match per eseguire rapidamente complesse analitiche e un numero di ricerche contemporanee con l'algoritmo di corrispondenza 10 volte superiore a quanto era possibile con lo storage precedente. Ciò favorisce l'aumento della precisione della corrispondenza e dei tassi di sopravvivenza.
  • Le funzionalità di efficienza leader di NetApp hanno aiutato Be The Match a ridurre i propri requisiti di capacità di 900 TB e a semplificare drasticamente la gestione complessiva, consentendo di scalare da 65 a 350 TB senza aggiunta di risorse. I passi in avanti in termini di efficienza hanno consentito all'organizzazione anche di ridurre i costi complessivi relativi allo storage, aspetto di importanza fondamentale per le organizzazioni no profit.
  • Passando a un'infrastruttura di base NetApp, Be The Match è riuscita a migliorare la visibilità delle informazioni e la condivisione fra applicazioni e gruppi di utenti, elemento critico per la rete di partner di 525 organizzazioni affiliate in 40 paesi. Poiché in circa la metà dei trapianti il destinatario o il donatore provengono da un paese straniero, Be The Match ha in programma di mettere a disposizione i propri servizi a tutte le realtà affiliate attraverso un cloud privato costruito su NetApp.

Per scoprire come iscriverti e provare l'emozione di salvare una vita, visita il sito www.BeTheMatch.org.

Citazioni a supporto

  • Dottor Jeffrey W. Chell, M.D., Chief Executive Officer di Be The Match
    "La tecnologia è fondamentale per il successo di Be The Match. NetApp ha eliminato le barriere tecnologiche consentendoci di procedere spediti verso i nostri ambiziosi obiettivi di trapianto. Siamo fiduciosi del fatto che, con NetApp al centro della nostra infrastruttura IT, Be The Match possa continuare a superare i limiti delle possibilità della terapia cellulare e salvare un maggior numero di vite tutto il mondo".
  • Rob Salmon, Executive Vice President of Field Operations, NetApp
    "L'incredibile lavoro svolto da Be The Match ha salvato un enorme numero di vite in tutto il mondo. Per Be The Match, i dati sono la risorsa più importante: la trasformazione dell'IT ha rivoluzionato il loro metodo di lavoro e di ricerca. L'utilizzo di NetApp come base per la loro infrastruttura dimostra che la giusta tecnologia può realmente aiutare a salvare vite umane".

Risorse aggiuntive

A proposito di NetApp (www.netapp.com/it)
NetApp crea innovative soluzioni di storage e di gestione dei dati, che favoriscono il progresso delle aziende, garantendo risparmi eccezionali sui costi. Venite a scoprire sul nostro sito www.netapp.it la nostra passione nel sostenere aziende, sparse in tutto il mondo, che vogliono andare più lontano, più velocemente.

Per ulteriori informazioni ai giornalisti:
Giuseppe Turri
Attitudo
Tel. 0362 18 29 080 o 335 73 90 945
Email: giuseppe.turri@attitudo.it - www.attitudo.it
Antonio Lupo
NetApp
Tel. 02 74 87 56 031
Email: antonio.lupo@netapp.com